Scienza

Anticorpo A13: la molecola che “ringiovanisce” il cervello bloccando l’Alzheimer nella prima fase

Un gruppo di ricercatori della Fondazione Ebri “Rita Levi-Montalcini” ha scoperto una molecola che favorisce la nascita di nuovi neuroni contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia

L’Alzheimer è una malattia neurodegenerativa, progressiva ed irreversibile, che colpisce il cervello. È una patologia che influisce sulle capacità di una persona di portare a termine le più semplici attività quotidiane, andando a colpire aree cerebrali che controllano funzioni come la memoria, il pensiero, la parola.

Man mano che la malattia progredisce, chi ne soffre ha difficoltà a svolgere le normali funzioni quotidiane, dimentica facilmente, sviluppa difficoltà di linguaggio, tende a perdersi e può anche mostrare disturbi comportamentali.

Il morbo di Alzheimer porta, quindi, ad una progressiva perdita delle funzioni cognitive e ad oggi, non si conosce una cura farmacologica specifica per bloccare l’andamento patologico degenerativo. Solo farmaci che possono alleggerire i sintomi e garantire una qualità della vita migliore a chi soffre di questa patologia.

Tuttavia, la scienza fa progressi e presto potrebbe arrivare una soluzione definitiva per prevenire e bloccare il decorso dell’Alzheimer. Un primo passo in questa direzione è stato fatto da un gruppo di ricercatori della Fondazione Ebri “Rita Levi-Montalcini” che hanno ha scoperto una molecola in grado di “ringiovanire” il cervello, bloccando la malattia nella sua prima fase.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Cell Death and Differentiation, è stato coordinato dai ricercatori Antonino Cattaneo, Giovanni Meli e Raffaella Scardigli in collaborazione con il Cnr, la Scuola Normale Superiore di Pisa e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tre.

Insieme hanno scoperto l’anticorpo A13 che favorisce la nascita di nuovi neuroni. Questo possono contrastare i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia. Per arrivare a questa scoperta, i ricercatori hanno trattato i topi con l’anticorpo A13 e questi hanno ripreso a produrre cellule neuronali a un livello quasi normale. Uno studio che aprirà sicuramente a nuove possibilità di diagnosi e cura dell’Alzheimer.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × cinque =

Close