Calcio Serie A

Calcio, Serie A: Inter e Atalanta fanno 1-1. Decima vittoria per la Lazio, torna a sorridere il Milan

Gli anticipi dell'ultima giornata del girone di andata

Gli anticipi relativi all’ultima giornata del girone di andata del campionato di calcio di serie A fanno registrare le vittorie di Milan (2-0 a Cagliari) e Lazio (1-0 in casa sul Napoli), mentre in serata Inter e Atalanta chiudono sull’1-1 a San Siro.

Nel match delle 15 il Milan torna alla vittoria dopo tre domeniche di digiuno andando ad imporsi per 2-0 sul campo del Cagliari, che invece infila la quarta sconfitta di seguito; i rossoneri salgono così momentaneamente al settimo posto toccando quota 25 punti, mentre i sardi sono quattro lunghezze più in alto. Il Milan appare in palla e nel primo tempo sfiora ripetutamente il vantaggio, senza tuttavia trovarlo; l’occasione più evidente capita sulla testa di Ibrahimovic, che accarezza il palo dopo la determinante smanacciata di Olsen. In apertura di ripresa la squadra di Pioli passa quasi immediatamente con Leao, la cui conclusione da centro area viene fatta impennare dall’involontario tocco di Pisacane, che mette fuori causa Olsen; il Milan arrotonda poi al minuto 64 con Ibrahimovic, che di sinistro gira in rete il suggerimento di Theo Hernandez.

Nell’incontro delle 18 la Lazio si supera inanellando contro il Napoli il proprio decimo successo consecutivo, nuovo record nella storia del club; i biancocelesti, con ancora un match da recuperare, conservano il terzo posto con 42 punti, mentre i partenopei, a quota 24, non riescono a tamponare le proprie emorragie ed incassano la terza sconfitta su quattro incontri sotto la gestione di Gennaro Gattuso. Gli azzurri pagano parzialmente dazio anche alla sfortuna quando la bellissima conclusione a giro di Zielinski si infrange sul palo; al minuto 82, tuttavia, vengono castigati in conseguenza di una grave ingenuità di Ospina, che cincischia troppo con il pallone tra i piedi, Immobile glielo sradica per poi calciare verso la porta da posizione defilata e realizzare il gol della vittoria laziale (per l’attaccante napoletano si tratta della rete numero 20 in campionato) con Di Lorenzo che sulla linea non riesce a salvare la porta degli ospiti.

In serata Inter e Atalanta danno vita ad un match vibrante che si chiude sull’1-1. La squadra di Conte raggiunge così quota 46 punti e conserva momentaneamente il comando in classifica, ma in serata potrebbe essere agganciata o scavalcata dalla Juventus, impegnata sul campo della Roma; il posticipo dell’”Olimpico” interessa indirettamente anche gli orobici, che grazie al pareggio di San Siro si sono appaiati proprio ai giallorossi a quota 35 punti. Il confronto sembra indirizzarsi già dalle prime battute in modo favorevole ai padroni di casa; dopo 4 minuti, infatti, Lautaro Martinez e Lukaku combinano con la solita intesa e l’argentino trafigge Gollini dall’interno dell’area, siglando il proprio gol numero 10 in campionato. L’Atalanta però cresce considerevolmente nella ripresa e ne è testimonianza lo schiaffo da fuori area di Malinovskyi, che viene respinto dal palo. Al minuto 75 il pareggio della squadra di Gasperini prende corpo nell’intervento in spaccata di Gosens, che trasforma nell’1-1 un’azione piuttosto disordinata. L’Atalanta dispone poi anche dell’occasione di fare bottino pieno al minuto 88, quando il fallo in area di Bastoni su Malinovskyi induce l’arbitro Rocchi ad indicare il dischetto del rigore; sulla conclusione dagli undici metri di Muriel, Handanovic però vola in modo superlativo, salvando i nerazzurri dalla sconfitta.

Gigi Bria

Tags
Mostra Altro

Gigi Bria

Le cose migliori arrivano per caso. Per caso, ormai dieci anni fa, iniziai ad insegnare diritto ed economia politica in una scuola superiore di Milano. Sempre per caso, qualche anno fa, mi fu proposto di scrivere. Ho visto "La Voce" quando era ancora un embrione; ora è il giovane figlio di cui mi prendo cura ogni giorno parlando di sport e dirigendone la relativa redazione. Seguo il mondo del calcio, confidando di riuscire a non far mai trasparire la mia pur blanda fede calcistica.
Close