Mondo

VIRUS CINESE: EPIDEMIA IN PREOCCUPANTE ASCESA

Aumentano i morti ed i contagiati

“L’epidemia sta accelerando”: sono queste le parole pronunciate dal presidente cinese Xi Jinping per descrivere la situazione attuale del coronavirus che sta flagellando il Paese asiatico e non solo. La conta dei morti recita 56 persone mentre il numero dei contagiati sfiora i 2.000. Le prospettive sono tutt’altro che serene: il Sindaco della città di Wuhan, da dove si è diffusa l’epidemia, ha affermato di aspettarsi “almeno un migliaio di contagi in più”.

Nella preoccupante situazione è intervenuto anche Xiaowe, Ministro della Commissione sanitaria nazionale di Pechino, dichiarando: “La capacità di diffusione del virus si stia rafforzando e il periodo di incubazione può variare tra 1 e 14 giorni”. Sul coronavirus, ha proseguito l’esponente governativo, “si hanno al momento conoscenze limitate”. Quel che è certa, la sua trasmissibilità “anche durante l’incubazione, diversamente da quello della SARS”.

Per quanto riguarda le misure per contenere la diffusione del coronavirus, i viaggiatori che giungono alla stazione ferroviaria di di Shantou, vengono sottoposti ad uno screening con l’invito di lasciare la città che comunque, non dovrebbe essere sottoposta ad isolamento. A Shantou inoltre, restano fermi tutti i mezzi di trasporto pubblico.

Anche a Xi’an e a Shandong, al pari di Pechino e Tianjin, è stato disposto il fermo dei mezzi pubblici.

Ad Hong Kong inoltre, come era successo giorni fa a Shanghai, è stato chiuso il parco di divertimenti, Disneyland. Lo ha riferito la Società che lo gestisce: “Come misura precauzionale in linea con gli sforzi di prevenzione in atto a Hong Kong, stiamo temporaneamente chiudendo il parco Disneyland di Hong Kong per motivi di salute e per la sicurezza dei nostri ospiti e dei membri del cast”. E’ stato precisato inoltre che la riapertura avverrà il giorno successivo a quello dell’annuncio di fine emergenza da parte delle Autorità.

Intanto si apprende che il virus polmonare ha raggiunto anche il Vietnam con il contagio di una persona che però non si era mai recata nell’area del focolaio ma, come spiegato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il contagio è avvenuto tramite un familiare “che aveva visitato Wuhan”.

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantunenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo
Close
Vai alla barra degli strumenti