Scienza

L’Università di Padova ha individuato un legame tra l’inquinamento da Pfas e le malattie cardiovascolari

Lo studio ha rivelato come questi inquinanti possano attivare le piastrine rendendole più suscettibili alla coagulazione e predisponendo a un aumento del rischio cardiovascolare

Una ricerca italiana – pubblicata sull’International Journal of Molecular Sciences – e condotta dall’università di Padova sotto la guida di Carlo Foresta, ordinario di endocrinologia, con i gruppi di Luca De Toni e Andrea Di Nisio, ha rivelato che esiste un legame tra le sostanze chimiche che possono essere presenti in vernici, farmaci e presidi medici (inquinamento da Pfas) e le malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno scoperto che questi inquinanti – in particolare una di queste sostanze, lo Pfoa (acido perfluoroottanoico), il principale inquinante ambientale nel territorio veneto – possono attivare le piastrine, rendendole più suscettibili alla coagulazione e predisponendo a un aumento del rischio cardiovascolare. 

Per arrivare a questo risultati sono stati condotti test (dopo un primo passaggio in vitro) su 78 persone con diversi livelli di esposizione a Pfas. Foresta ha spiegato: “Questi test hanno confermato dei segnali di aumentata attivazione piastrinica con conseguente incremento della propensione all’aggregazione delle stesse”. Ed ha aggiunto: “Questi dati potrebbero spiegare l’osservazione epidemiologica tra Pfas e patologie cardiovascolari, soprattutto se sussistono altri fattori di rischio noti per queste patologie, come diabete, obesità, fumo e alcol”.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Close