Speciale Euro 2020

Il coronavirus fa slittare l’Europeo al 2021. Rinviata anche la Copa America, ancora incertezza per le olimpiadi

Era nell’aria da tempo e ieri la più saggia e naturale delle decisioni è arrivata: l’UEFA ha infatti formalmente decretato il rinvio del Campionato Europeo per Nazioni di dodici mesi. Per la prima volta nella storia, dunque, la più importante competizione continentale si svolgerà in un anno dispari, con inizio previsto l’11 giugno e finale programmata per l’11 luglio 2021.

La riunione di ieri, svolta in teleconferenza, prevedeva tre incontri; nel primo l’UEFA si confrontava con le Leghe e con le rappresentanze di club e calciatori. Nel secondo, probabilmente il più pregnante sotto il profilo decisorio, l’organo amministrativo europeo si riuniva con le 55 Federazioni coinvolte, prima di completare la lunga giornata con un Esecutivo straordinario.

Un primo indizio circa il possibile rinvio del prossimo Europeo è arrivato poco prima delle 13, quando dalla Francia è trapelata la notizia che l’UEFA avesse proceduto a disdire gli alberghi prenotati a Copenaghen (una delle dodici città ospitanti) per i giorni in cui avrebbe dovuto svolgersi il torneo. L’annuncio definitivo è poi arrivato per bocca della Federazione norvegese, che ha così sgombrato il campo da ogni ulteriore incertezza.

È invece al momento meno pacifica la questione relativa alla prosecuzione della Champions League e dell’Europa League, così come dei vari campionati nazionali; del resto, con un’evoluzione dell’epidemia ancora poco chiara sotto il profilo tempistico, anche l’UEFA non può che navigare a vista. Le soluzioni sul tavolo del massimo organo europeo sono al momento due; la prima conduce ad una ripresa delle competizioni nazionali il 14 aprile (30 aprile per l‘Europa League, 5 maggio per la Champions League), date che allo stato attuale sembrano improbabili e fin troppo ottimistiche. Appare più plausibile invece uno slittamento della riapertura dei giochi al 13 giugno, con le competizioni che si trascinerebbero così fino al pieno di luglio.

La criticità indotta dal COVID-19 ha persuaso anche la CONMEBOL ad un rinvio dell’edizione pilota della nuova formula della Copa America, che avrebbe dovuto avere luogo l’estate prossima in Argentina e Colombia, ma il nuovo formato del torneo sudamericano verrà inaugurato nel 2021. Sembra invece per lo più di facciata l’insistenza del CIO nel voler svolgere l’Olimpiade di Tokyo nel corso della prossima estate; il confronto con i diversi Comitati olimpici nazionali e con i rappresentanti degli atleti avverrà nel giro di pochi giorni, ma appare piuttosto scontato che il destino dell’imminente Olimpiade sia ormai segnato tanto quanto quello dell’Europeo.

Gigi Bria 

Tags
Mostra Altro

Gigi Bria

Le cose migliori arrivano per caso. Per caso, ormai dieci anni fa, iniziai ad insegnare diritto ed economia politica in una scuola superiore di Milano. Sempre per caso, qualche anno fa, mi fu proposto di scrivere. Ho visto "La Voce" quando era ancora un embrione; ora è il giovane figlio di cui mi prendo cura ogni giorno parlando di sport e dirigendone la relativa redazione. Seguo il mondo del calcio, confidando di riuscire a non far mai trasparire la mia pur blanda fede calcistica.

Articoli Correlati

Close
Vai alla barra degli strumenti