Calcio Serie A

Calcio: il Milan pensa a ringiovanire la rosa

In cinque sul piede di partenza

Il Milan per giugno punta ad avere una rosa interamente Under 30, anche se resta da sciogliere il nodo relativo a cinque giocatori, in scadenza di contratto al 30 giugno, che superano la soglia individuata dalla dirigenza. Si tratta di Ibrahimovic, Begovic, Biglia, Kjaer e Bonaventura.

Tra questi, Ibrahimovic sembrerebbe comunque destinato a cambiare aria, andando altrove o appendendo semplicemente le scarpette al chiodo, indipendentemente dalle scelte societarie; quanto agli altri, le valutazioni andranno compiute caso per caso. Begovic si è dimostrato affidabile, ma è improbabile che, qualora Donnarumma dovesse partire, il Milan decida di affidarsi a lui come prima soluzione. Nel ruolo, peraltro, ci sarebbe anche Reina, che pur essendo destinato a rientrare dal prestito all’Aston Villa e pur avendo un contratto in scadenza nel 2021, dovrebbe in ogni modo salutare la compagnia.

Biglia, anche a fronte del rendimento in crescita di Bennacer, rappresenterebbe una riserva troppo costosa e, a meno che l’argentino non accetti una consistente riduzione dell’ingaggio, il suo futuro sembra altrove. Kjaer invece non costituisce un peso eccessivo dal punto di vista finanziario; ciò che però potrebbe ugualmente determinare un suo ritorno a Siviglia è la costante suscettibilità agli infortuni. Non diverso è il discorso per Bonaventura (su cui ha già messo gli occhi la Roma), ma per il centrocampista abruzzese alla fine potrebbe giocare un ruolo importante anche l’attaccamento alla casacca rossonera.

Nel caso in cui i cinque sopra citati dovessero prendere strade diverse, il Milan si ritroverebbe non solo con una rosa cortissima, ma anche estremamente giovane, visto che l’età media passerebbe dagli attuali 26 anni scarsi a nemmeno 24 anni e mezzo. Ciò potrebbe portare la società a puntare sulla cosiddetta linea verde per dare vita ad un progetto improntato sui giovani. Ma questo dovrebbe presupporre una certa continuità tecnica; in caso contrario risulterebbe inutile far crescere giocatori nel medio periodo.

Donatella Swift

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014
Close