Scienza

Covid-19: nasce Ec Ster New Life, la prima macchina al mondo dedicata al reprocessing dei caschi Cpap

Attraverso un sistema totalmente automatizzato, questa nuova macchina è in grado di detergere, lavare e sterilizzare, direttamente in reparto e in pochi minuti, i caschi Cpap per l’ossigenazione, consentendone il riutilizzo

I caschi Cpap sono fondamentali per il trattamento dei pazienti colpiti da Covid-19. Cpap è l’acronimo di Continuous Positive Airway Pressure, ovvero ventilazione a pressione positiva continua. Si tratta di “caschi respiratori”, che consentono di fornire ventilazione artificiale a un paziente con difficoltà respiratorie. Questi dispositivi sono monouso e non possono essere lavati e sterilizzati con i metodi classici.

Durante questa emergenza, dove la scarsa reperibilità di dispositivi medici dedicati è all’ordine del giorno, non poter utilizzare una seconda volta il dispositivo dopo un’accurata sterilizzazione è un’inconveniente non da poco, visto i numerosi pazienti contagiati che necessitano di aiuto immediato e urgente.

Questo problema, però, può essere risolto grazie alla Astro Medical srl, società di Vimercate (MB) che ha ideato la prima macchina al mondo dedicata al reprocessing dei caschi. Si chiama Ec Ster New Life e grazie ad un sistema totalmente automatizzato, è in grado di detergere, lavare e sterilizzare direttamente in reparto e in pochi minuti, i caschi Cpap consentendone il riutilizzo.

Come funziona questa macchina? Radicali liberi generano un flusso di elettroni riducenti in grado di sterilizzare in pochi secondi di contatto e detergere da residui organici (anch’essi sterilizzati) in pochi minuti. Il meccanismo di azione (elettroni riducenti) consiste nello destabilizzare il nucleo proteico dei patogeni, provocandone un’immediata distruzione. Lo stesso meccanismo agisce quindi sui residui organici sterilizzandoli e provocandone la disgregazione.

Utilizzando lo sterilizzante chimico dedicato, l’innovativo macchinario garantisce l’integrità del dispositivo medico trattato grazie alla sua compatibilità con tutti materiali e protegge l’attività degli operatori ospedalieri perchè non è tossico.

Alfonso Condino, amministratore delegato di Astro Medical, ha spiegato: “L’iniziativa è nata dalla forte richiesta degli operatori sanitari ed è stata realizzata grazie al grandissimo sforzo e appoggio dei suoi collaboratori e delle aziende partner che con grandissimo spirito collaborativo hanno messo e continuano a mettere in campo tutte le loro competenze per poter raggiungere in tempi rapidissimi l’obbiettivo e cioè mettere a disposizione, degli gli operatori sanitari ,quegli strumenti necessari per poter dare la massima assistenza ai malati Covid-19”.

Ec Ster New Life ha già riscosso grande interesse e grazie al suo utilizzo sarà possibile effettuare una razionalizzazione della spesa sanitaria determinando un risparmio economico considerevole.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Close