Primo Piano

CORONAVIRUS. CONTE: “LOCKDOWN SINO AL 3 MAGGIO”

Il premier: "Diversamente rischiamo di perdere i risultati ottenuti"

Roma, 10 aprile – Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha tenuto una conferenza stampa nella quale ha annunciato la proroga delle misure di contenimento sino al 3 maggio.

“Proroghiamo le misure restrittive fino al 3 maggio, una decisione difficile ma necessaria di cui mi assumo tutte le responsabilità politiche”, ha affermato il premier annunciando di aver già firmato il nuovo DPCM. “Dal 14 aprile riapriranno alcune attività produttive: librerie, cartolibrerie, negozi per bambini e selvicoltura”, ha detto ancora il premier. “Non possiamo vanificare gli sforzi sin qui fatti”: il rischio sarebbe quello di “un aumento dei decessi e delle vittime”. “Ho firmato il decreto per il comitato di esperti che affiancherà il comitato tecnico scientifico nella fase 2. Presiederà Vittorio Colao”, ha detto ancora Conte.

Conte ha parlato anche dello scenario europeo nel merito dell’epidemia. “Quello fatto dall’Europa è un primo passo che l’Italia considera insufficiente, servono gli eurobond subito per economia di guerra”, ha affermato.

Conte ha poi sferrato un duro attacco a Matteo Salvini e Giorgia Meloni per le affermazioni fatte ieri sera, dopo l’Eurogruppo. “Il MES esiste dal 2012, non è stato istituito ieri o attivato la scorsa notte come falsamente e irresponsabilmente è stato dichiarato da Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Questo governo non lavora col favore delle tenebre: guarda in faccia gli italiani e parla con chiarezza”.

“Al prossimo Consiglio europeo lotteremo per gli Eurobond”, ha aggiunto il premier.

“Il governo non ha fatto propria nessuna proposta di patrimoniale, né è all’orizzonte. Ne ho sentito parlare per la prima volta oggi”, ha precisato poi Conte.

Conferenza stampa

In diretta da Palazzo Chigi

Gepostet von Giuseppe Conte am Freitag, 10. April 2020

La Voce

Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014
Back to top button