Scienza

Uno studio rivela: chi guarisce dal Covid-19 sviluppa sempre gli anticorpi protettivi al virus

Nel 100% dei pazienti analizzati è stata rilevata la presenza degli anticorpi IgG, quelli prodotti durante la prima infezione e che proteggono a lungo termine

Continuano gli studi per contrastare e debellare il coronavirus in tutto il mondo. Il più recente: uno studio della Chongqing Medical University, pubblicato sulla rivista Nature Medicine, ha rivelato che i pazienti guariti dal coronavirus sviluppano sempre gli anticorpi protettivi al virus.

Da un’analisi di 285 pazienti, infatti, è stata rilevata la presenza degli anticorpi IgG, quelli prodotti durante la prima infezione e che proteggono a lungo termine, esattamente nel 100% dei pazienti. Una dimostrazione chiara che il test sierologico può essere utile per diagnosticare i soggetti sospetti.

Dai Centri Coreani per il Controllo e la Prevenzioni delle Malattie (KCDC), la struttura scientifica sudcoreana che si occupa delle epidemie, arriva poi un ulteriore contributo alla lotta contro il coronavirus: pazienti considerati guariti sono risultati nuovamente positivi al test per il Covid-19 (277 casi del genere riscontrati, secondo l’agenzia di stampa Yonhap); ad indicare che questi soggetti potrebbero avere nel loro organismo ancora frammenti di virus, ma inattivo.

Come scoprirlo? Per diagnosticare la presenza del nuovo coronavirus, la Corea del Sud utilizza un test della reazione a catena della polimerasi (PCR) che va a intercettare le informazioni genetiche contenute nell’RNA – l’acido ribonucleico – del virus. Il test è in grado di rilevare anche piccole quantità di RNA virale nelle cellule, anche dopo che il paziente è guarito.

Oh Myoung-don, capo del comitato scientifico sudcoreano, ha spiegato: “Il virus non invade il nucleo della cellula combinandosi con il Dna del paziente. Questo significa che il virus non crea un’infezione cronica. Inoltre, non risulta che possa restare dormiente nel nucleo della cellula”.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Close