Calcio Serie A

Juventus: sul mercato ventaglio di possibilità per i bianconeri del futuro

Juventus

Con la ripresa del campionato ormai alle porte, la Juventus scalda i motori in vista del finale di stagione, ma allo stesso tempo non resta certo a guardare circa i possibili interventi da effettuare sul mercato per rafforzarsi ulteriormente. 

Pjanic ormai sembra aver fatto la propria  scelta di vita professionale e con tutta probabilità l’anno prossimo andrà a giocare al Barcellona; dal canto suo la Juventus mira però a intavolare uno scambio con i blaugrana e prova ad imbastire uno scambio con Arthur, che però non ha ancora sciolto definitivamente il nodo che lo tiene legato alla squadra catalana. Il ragazzo infatti spera ancora di riuscire a convincere Setien ad utilizzarlo nell’imminente spicchio conclusivo della stagione e ad ottenere fiducia in vista della prossima.

Perché le due società si siedano a discutere bisognerà però attendere il pieno di giugno e per allora i due club potrebbero mettere nero su bianco lo scambio; una soluzione positiva sembra scontata, anche perché il Barcellona è una delle poche squadre – se non addirittura l’unica – per cui Pjanic lascerebbe la Juventus. 

Paratici tuttavia non sta con le mani in mano e opera anche in entrata: l’interesse per Chiesa è risalente e resta sempre molto concreto; più recente è invece il flirt del club bianconero con Pedro Rodriguez, oggi in forza al Chelsea, che piace molto a Sarri. Lo spagnolo ha un contratto in scadenza al 30 giugno prossimo, quindi potrebbe arrivare a Torino a costo zero. E poco importa se la carta d’identità dice che il fantasista veleggia verso i 33 anni a fine luglio; il suo indubbio talento potrebbe infatti senza dubbio tornare utile alla causa bianconera.

Donatella Swift

Tags
Mostra Altro

Gigi Bria

Le cose migliori arrivano per caso. Per caso, ormai dieci anni fa, iniziai ad insegnare diritto ed economia politica in una scuola superiore di Milano. Sempre per caso, qualche anno fa, mi fu proposto di scrivere. Ho visto "La Voce" quando era ancora un embrione; ora è il giovane figlio di cui mi prendo cura ogni giorno parlando di sport e dirigendone la relativa redazione. Seguo il mondo del calcio, confidando di riuscire a non far mai trasparire la mia pur blanda fede calcistica.

Articoli Correlati

Close