Primo Piano

FASE 2. IL 3 GIUGNO IN ARRIVO: COSA POTREMO E NON POTREMO FARE

Ci saranno nuove aperture ma vero è che permarranno alcuni divieti

Domani sarà il 3 giugno ed entreranno in vigore le nuove norme previste dal DPCM in materia di Fase 2 nell’epidemia di coronavirus. Un passo reso possibile dai dati sui contagi che appaiono essere piuttosto confortanti, con buona pace degli scettici.

Da domani dunque, ci saranno nuove aperture ma vero è che permarranno alcuni divieti. Per meglio orientarsi ed evitare di incappare in sanzioni, di seguito proponiamo ciò che il Decreto autorizza e non.

SARA’ CONSENTITO

Spostamenti in Italia

Ci si potrà spostare tra quasi tutte le Regioni italiane senza limitazione alcuna e senza dover produrre autocertificazioni.

Spostamenti all’estero

Saranno ammessi gli spostamenti verso i Paesi dell’Unione Europea e quelli nell’area Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera). Inoltre, potremo andare in Regno Unito, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.

Distanziamento sociale

Nulla cambia in materia di distanziamento sociale rispetto a prima. Varrà sempre il famoso metro di distanza che diventerà di due, quando si svolgeranno attività fisiche e motorie. Per quanto riguarda saluti, baci e abbracci, resteranno limitati a congiunti o conviventi.

Viaggi in auto ed in moto

Circa i viaggi in auto, potranno essere a bordo solo i componenti dello stesso nucleo familiare, senza limitazioni numeriche. Diverso è tra estranei: in questo caso, il numero consentito è di due persone. Chi non è alla guida dovrà sedere nel sedile posteriore ed entrambe le persone a bordo dovranno indossare la mascherina. Qualora l’autoveicolo disponga di tre file di sedili, il numero di persone a bordo sale a tre.

In merito ai viaggi in moto, questi dovranno essere fatti da soli. Saranno ammessi come passeggeri soltanto i familiari o i conviventi.

Uso della mascherina

Ad eccezione di Lombardia, Trentino, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Campania e nella città di Genova, si potrà non indossare la mascherina quando ci si trova all’aperto. L’uso diventa però obbligatorio quando non sarà possibile garantire il distanziamento sociale di un metro.

Vacanze e spostamenti nelle seconde case

Da domani ci si potrà recare nelle seconde case. Saranno consentite le prenotazioni in alberghi, bed and breakfast e case vacanza.

Centri benessere, piscine e palestre

Centri benessere, terme, piscine e palestre hanno già ripreso le loro attività in alcune Regioni come, ad esempio, la Lombardia. Per quanto riguarda le piscine, nelle vasche va garantito il distanziamento sociale non inferiore ai 7 metri.

Bar e locali serali

In molti Comuni italiani permane il divieto della vendita di bevande d’asporto dopo le ore 21. I locali serali potranno rimanere aperti in base alle normali autorizzazioni, a condizione che i clienti vengano serviti esclusivamente ai tavoli.

Cerimonie religiose

In Emilia-Romagna, Abruzzo, Campania, Puglia è stato consentito lo svolgimento dei matrimoni in chiesa, fermo restando il numero minimo di partecipanti: oltre agli sposi, solo pochi familiari ed amici, tutti con mascherina. Per quanto riguarda i funerali, sono ammesse solo 15 persone.

NON SARA’ CONSENTITO

Spostamenti in Italia

Per chi arriva in Sardegna, Sicilia e Campania, sino al 7 giugno ci sarà l’obbligo di sottoporsi a quarantena. E’ verosimile che a queste Regioni si aggiunga il Lazio e che possa esserci un prolungamento delle misure di sicurezza sanitaria.

Spostamenti all’estero

Gli italiani che vorranno recarsi all’estero potrebbero incontrare difficoltà. In Francia si entra solo con autocertificazione. In Svezia, Serbia, Albania e Croazia esclusivamente dimostrando la prenotazione in albergo. Germania, Olanda, Portogallo, Islanda e Turchia potrebbero far entrare gli italiani solo dal prossimo 15 giugno.

Distanziamento sociale

Non saranno ammessi gli assembramenti. Resterà consentito l’incontro con gli amici con il distanziamento di un metro. Permane il divieto di abbracciare estranei; consentito invece l’abbraccio tra congiunti.

Viaggi in auto ed in moto

In moto sarà possibile avere come passeggero, esclusivamente i conviventi. Fa eccezione la Liguria che consente anche i non conviventi, a condizione che usino il casco integrale e la mascherina. In auto, ad eccezione dei nuclei familiari, non si potrà avere a bordo più di due persone incluso il conducente: tre se l’autoveicolo dispone di tre file di sedili, una per persona.

Uso della mascherina

In Lombardia, Trentino, Friuli Venezia-Giulia, Campania e nella città di Genova è obbligatorio l’uso della mascherina quando ci si trova all’aperto. In Piemonte, sino a domani, 2 giugno, l’Ordinanza regionale prevede l’obbligo.

Ombrellone in spiaggia

Per ciascun ombrellone in spiaggia è obbligatorio un spazio massimo di 10 metri quadrati. Fanno eccezione Veneto ed Emilia-Romagna dove la distanza tra ombrelloni dovrà essere di 12 metri.

Centri benessere

Permane la chiusura di saune e bagni turchi. Nei centri benessere ci si dovrà scrupolosamente attenere alle misure previste allorquando ci si sottopone a qualunque tipo di trattamento che non permette il garantire del distanziamento sociale: prima tra tutte, la mascherina obbligatoria per i clienti e per il personale.

Discoteche

Questo tipo di attività si appresta a riprendere ma con forti limitazioni: sarà vietato ballare e la musica sarà unicamente da ascolto. In Sicilia, la riapertura sarà l’8 giugno mentre in altre Regioni si pensa alla data del 15 giugno.

Pranzi e cene nuziali

Categoricamente vietati i buffet. Sarà ammesso il servizio catering ma gli ospiti dovranno obbligatoriamente essere serviti ai tavoli.

La Voce

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014
Close