Primo Piano

CORONAVIRUS. IL PUNTO DI META’ GIORNATA

Ministero della Salute ed ISS: "Nessuna Regione italiana con RT superiore ad 1 ma dal 25 al 31 maggio, ancora focolai di contagio ovunque". L'OMS detta nuove linee-guida sull'uso delle mascherine

Roma, 6 giugno – Il Ministero della Salute, in concerto con l’Istituto Superiore di Sanità, in riferimento all’attività di monitoraggio degli indicatori della Fase 2, relativi alla settimana tra il 25 ed il 31 maggio, evidenzia che: “In quasi tutta la Penisola sono documentati focolai di trasmissione attivi. Tale riscontro, che in gran parte è dovuto alla intensa attività di screening e indagine dei casi con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti, evidenzia tuttavia come l’epidemia in Italia di Covid-19 non sia conclusa anche se al momento non vengono riportate situazioni critiche”. Ministero ed ISS sottolineano inoltre che il trend positivo circa l’andamento della curva di contagi da COVID-19, prosegue. In nessuna Regione italiana è stato registrato un RT superiore ad 1.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato nuove linee-guida circa l’uso delle mascherine per contenere il contagio da coronavirus. L’OMS sottolinea che le mascherine assumono un ruolo di fondamentale importanza quando non è dato il poter garantire del distanziamento sociale. Tuttavia, l’uso della sola mascherina non basta. L’Organizzazione ha esortato i governi ad incentivare l’uso delle mascherine laddove la diffusione del virus è ancora alta, indossandole sui “trasporti pubblici, nei negozi o in altri ambienti chiusi e affollati”. In particolare, le persone di età superiore ai 60 anni, con patologie pregresse, “dovrebbero indossare mascherine mediche quando si trovano all’esterno e non possono mantenere la distanza sociale”. Gli altri invece, “devono indossare mascherine di tessuto a tre strati”.

La Voce

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Close