Scienza

Trapianto perfettamente riuscito per il bimbo leucemico, positivo al Covid-19: guarito grazie al plasma

All’Ospedale Bambino Gesù di Roma, il piccolo è stato sottoposto al trattamento con plasma per negativizzarsi al Covid-19; poi ha subito il trapianto di midollo con le cellule staminali del papà

Le notizie, quelle belle, che rendono questa pandemia più “leggera” e meno drammatica. All’Ospedale Bambino Gesù di Roma è stato eseguito con successo il trapianto di midollo su un bimbo di sei anni positivo al coronavirus, così come i genitori, e affetto da leucemia linfoblastica acuta. L’intervento è stato possibile grazie alla collaborazione sviluppata con l’Ospedale Spallanzani e l’Ospedale San Camillo.

Con il trattamento al plasma – ottenuto da un soggetto guarito dall’infezione – il bimbo si è negativizzato al virus ed ha potuto sottoporsi in un secondo momento, al trapianto con le cellule staminali prelevate dal papà (nel frattempo guarito). La tecnica utilizzata è stata messa a punto dal team del professor Franco Locatelli, direttore del Dipartimento di Onco-ematologia e Terapia Cellulare e Genica, e sviluppata nell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede, Ospedale conosciuto per la sua ampia casistica al mondo (circa 700 trapianti da genitore effettuati sino ad oggi) su bambini affetti da leucemie e tumori del sangue.

Il percorso della famiglia è iniziato quando tutti i membri sono rientrati nell’ottobre del 2019 in Italia da Londra, dove attualmente risiedono, per curare al Bambino Gesù una recidiva della malattia da cui il piccolo paziente è affetto. Il Covid-19, come ben sappiamo, ha poi preso il sopravvento a marzo 2020 proprio nel momento in cui la famiglia è stata sottoposta alle indagini necessarie per stabilire il candidato ideale alla donazione di midollo. Durante lo screening per Covid-19, bambino e genitori sono risultati positivi al test: papà e figlio asintomatici, la mamma con lievi sintomi.

Di conseguenza, trapianto sospeso: si è dovuto attendere che tutti e 3 i membri della famiglia fossero negativi, in particolare il piccolo paziente. I medici hanno quindi optato per l’infusione di plasma iperimmune, dopo aver ottenuto l’autorizzazione per uso compassionevole dal Comitato Etico del Bambino Gesù e il nulla osta del Centro Regionale Sangue.

Il 9 maggio, alla fine, presso il Centro Covid di Palidoro, il team di medici ha sottoposto il piccolo paziente al trattamento; nel mentre anche il suo papà – donatore di midollo prescelto – è risultato negativo al tampone e così i medici hanno potuto infondere al bambino le cellule staminali del papà, opportunamente modificate per eliminare i linfociti T alfa/beta+, cellule dannose per l’organismo del ricevente. Tutto bene, quel che finisce bene possiamo dire! Infatti il bimbo non ha avuto complicanze post-trapianto e adesso è in ottime condizioni generali: le cellule del papà si stanno moltiplicando e si avvia verso una completa guarigione.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Close