Scienza

Intervento di ricostruzione in 3D dell’osso temporale permette ad una bimba di tornare a sentire

L’intervento, il primo nel suo genere in Italia, è stato realizzato con una tecnica innovativa in campo otochirurgico per la pianificazione preoperatoria

All’ospedale pediatrico Santobono-Pausillipon di Napoli è stato effettuato un’intervento di ricostruzione in 3D dell’osso temporale di una piccola paziente affetta da Atresia Auris, una grave malformazione congenita con assenza del padiglione auricolare, del condotto uditivo esterno e dell’orecchio medio. La bimba presentava un grave deficit uditivo e quindi problemi di apprendimento scolastico: era necessario consentirle di tornare a sentire.

E così è stato: grazie a questo intervento, eseguito dall’equipe diretta dal dott. Antonio della Volpe e primo nel suo genere in Italia, la piccola ha potuto riacquisire l’udito. In che modo? Con l’utilizzo di moderni software di elaborazione di immagine è stato prodotto un modello digitale 3D della zona di interesse sul quale è stato effettuato un planning chirurgico pre-operatorio, grazie al quale è stato possibile visualizzare più accuratamente l’anatomia della paziente e stabilire la strategia operatoria con estrema precisione.

Dopo di ché, mediante stampa 3D, è stato realizzato un modello anatomico della struttura di interesse estremamente accurato e realistico, di modo da aumentare la capacità di comprensione della piccola paziente su argomenti specifici da affrontare. Il risultato raggiunto è stato possibile anche attraverso la collaborazione dell’ospedale pediatrico Santobono-Pausillipon di Napoli con un ingegnere biomedico, Luigi Iuppariello, che ha permesso la realizzazione del modello in 3D.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Close