Viaggi

VACANZE IN ITALIA. 10 laghi per una vacanza attiva

Per chi vuole trascorrere un soggiorno all’insegna dello sport

Sono più di 1.500 e dalle peculiarità diverse, scavati dai ghiacciai o di origine vulcanica, stretti tra le montagne o a pochi passi dal mare, dove esplorare borghi e aree naturali ma anche dedicarsi ad attività sportive. Qui abbiamo selezionato per voi dieci laghi italiani tra i più adatti per chi vuole trascorrere una vacanza attiva all’insegna dello sport.

Lago di Como

Il Lario con i suoi due rami – quello comasco e quello lecchese – offre una prospettiva allettante per chi cerca una vacanza dinamica. L’alto lago e la costa di Mandello sono la zona ideale dove praticare kitesurf e windsurf. Per la vela i luoghi più consigliati sono i porti turistici di Domaso, Gravedona, Mandello, Lecco e Como. È possibile praticare SUP, kayak e canoa (centri noleggio e lezioni sono possibili in diversi punti del lago). Tra le attività outdoor da praticare in zona anche il trekking, con tanti sentieri per escursioni panoramiche, come l’antico tracciato del Sentiero del Viandante, oltre a vie ferrate alpinistiche, falesie dove dedicarsi all’arrampicata, percorsi dicanyoning, ciclismo, mountain-bike e downhill e diversi campi da golf tra la Brianza e il lago.

Lago di Garda

Il più grande dei laghi italiani è lo scenario ideale dove dedicarsi agli sport acquatici: attività come vela, canoa, sci nautico e wakeboard sono possibili in diverse località del lago, ma sono soprattutto le zone più ventose di Torbole, Riva, Malcesine e Gargnano ad attrarre gli amanti diwindsurf e kitesurf. Qui c’è anche la possibilità di fare anche corsi di foiling, per imparare a volare sull’acqua con la vela. I più temerari possono lanciarsi nel canyoning, nell’arrampicata e nel parapendio. Tanti e per tutti i livelli i percorsi ciclabili, come la breve ma scenograficaCiclabile dei Sogni da Limone a Riva, il più impegnativo Sentiero del Ponale, da Riva al Lago di Ledro, o le ciclabili da Peschiera del Garda a Verona e Mantova. Diversi anche i percorsi di trekking, tra cui i sentieri che conducono al Monte Baldo, l’anello di Campione del Garda e l’ascesa al Monte Telegrafo.

Lago Maggiore

Condiviso tra l‘Italia e la Svizzera, secondo per superficie dopo il Garda, il Lago Maggiore ha tutte la carte in regola per assicurare una vacanza dinamica e divertente. Sulle sue sponde è possibile noleggiare canoe e pedalò, praticare vela, canoa, kayak, rafting nelle vicine valli dell’Ossola,parapendio e lanciarsi nel vuoto con la zipline. Gli amanti delle due ruote possono avventurarsi lungo i percorsi ciclabili – come la Ciclabile del Toce –, darsi al downhill nella zona del Mottarone, o ai percorsi da mountain-bike lungo la Linea Cadorna. A piedi si può percorrere ilSentiero dei Castagni o salire al Mottarone, in entrambi i casi partendo da Stresa, camminare lungo la Strada Medievale da Cossogno a Cicogna o fare trekking nel Parco Nazionale Val Grande. In zona è possibile praticare anche sci, golf e tanti altri sport ancora.

Lago d’Iseo

A poca distanza dalla Franciacorta, il Sebino (questo è il suo vero nome) ha una vocazione fortemente sportiva. Sulle sue acque è possibile darsi alla vela, alla canoa, al wakeboard e al SUP, fare kitesurf (anche con l’hydrofoil), windsurf e parapendio. Il Lago d’Iseo è la meta perfetta per gli amanti del cicloturismo: le sue sponde sono quasi interamente ciclabili (particolarmente suggestiva è la pista ciclo-pedonale da Toline a Vello). Da Iseo è possibile congiungersi allaCiclovia dell’Oglio, 280 km dal Gruppo dell’Adamello alla Franciacorta, e perfettamente ciclabile è anche Monte Isola, l’isola lacustre più grande d’Italia tra le attrazioni principali del lago. Tra i percorsi di trekking i più panoramici sono quelli che portano alla Corna Trentapassi e al Monte Guglielmo, senza dimenticare la facile passeggiata lungo l’antica Via Valeriana o la salita alSantuario della Ceriola, sul punto più alto di Monte Isola.

Lago di Braies

Con le sue acque verdi e le montagne a proteggerlo su tutti i lati è tra i più fotografati d’Italia: ilLago di Braies è un piccolo lago alpino a quasi 1.500 metri situato nella valle omonima, laterale della Val Pusteria. Il lago è un forte richiamo per gli amanti del trekking: si trova infatti ai piedi dell’imponente Croda del Becco (2.810 metri d’altezza), raggiungibile lungo il sentiero indicato con il segnavia numero 1 in sette ore di cammino. Numerosi sono inoltre i sentieri escursionistici percorribili all’interno del Parco Naturale Fanes-Senes-Braies. Agevole e poco impegnativo è invece il giro intorno al lago (durata circa 1 ora e mezza), percorribile per il primo tratto anche in bici. In estate è possibile affittare barche a remi; in inverno, quando la superficie del lago è ghiacciata, si tengono competizioni di curling. In Val di Braies è inoltre possibile faresci alpino, sci di fondo e sci alpinismo.

Lago di Scanno

Situato in Abruzzo, tra i Monti Marsicani, a 922 metri d’altezza, il Lago di Scanno è il lago naturale più grande della regione. Una località molto amata per pic-nic e relax, le sue verdi sponde consentono di vivere una giornata a pieno contatto con la natura. Sul lago è possibile noleggiare pedalò oppure biciclette (da passeggio, mountain-bike, fat bike o tandem). Due ipercorsi ciclabili consigliati: il giro del lago (percorrenza circa 40 minuti) oppure l’escursione alla Riserva Naturale Regionale Lago di San Domenico e Lago Pio (percorrenza circa 40 minuti). Dal vicino comune di Villalago parte il Sentiero della libertà, un trekking di circa 60 chilometri suddivisibile in 3 tappe e 3 giorni, attraverso i monti della Majella.

Lago Trasimeno

È il lago più grande dell’Italia centrale e si trova nel nord dell’Umbria, al confine con la Val di Chiana. Grazie alla sua ampiezza e alla bassa profondità, il Trasimeno è il posto indicato per praticare kayak, prendere lezioni di vela ma anche cimentarsi in sport adrenalinici comewindsurf, kitesurf, wakeboard e sci nautico. A Castiglione del Lago, Passignano e Tuoro sul Trasimeno è possibile noleggiare un’imbarcazione a vela o a motore per esplorare il lago e le sue tre isole (la Polvese, la Maggiore e la Minore). In bici o a piedi si può percorrere la pista ciclabile del Trasimeno, un anello lungo circa 70 chilometri che corre quasi per intero intorno al lago. I camminatori possono intraprendere invece la Via del Trasimeno, 160 chilometri in totale percorribili in sette diverse tappe.

Lago di Bolsena

Si trova nel Viterbese, dove Lazio, Umbria e Toscana si incontrano, ed è il lago vulcanico più grande d’Europa: il Lago di Bolsena è il luogo ideale per uscite in kayak, windsurf o sci d’acquacosì come per fare immersioni e parapendio, per dedicarsi alla pesca, fare tour a cavallo e tiro con l’arco. In diversi punti del lago è possibile noleggiare canoe, pedalò e barche a vela con o senza skipper. Non lontano dal lago passa la mitica Via Francigena, che è possibile percorrere ancora oggi a piedi o in bici fino a Roma: dalla Basilica di Santa Cristina, a Bolsena, parte la tappa nr. 39 che arriva fino a Montefiascone (18 km), tra saliscendi nella vegetazione e meravigliose viste lago.

Lago di Bracciano

Nel Lazio centrale, in una zona un tempo occupata dagli antichi vulcani Sabatini, il Lago di Bracciano è una popolare meta estiva dove è possibile nuotare e praticare sport acquatici in tranquillità: la navigazione a motore è infatti proibita (a eccezione dei pescatori autorizzati e del traghetto del servizio pubblico). Sul lago è possibile dedicarsi a windsurf, canoa e vela, alla pescae alle immersioni subacquee. Non mancano le escursioni da fare a piedi o in mountain-bike, ad esempio sui sentieri del Parco Naturale di Bracciano-Martignano che comprende il piccolo Lago di Martignano, a 4 km da Anguillara Sabazia, e lungo la Ciclovia dei laghi, un anello di quasi 8 chilometri che regala una vista panoramica sui laghi, sui Monti Sabatini e sui vicini Monti della Tolfa.

Laghi di Lesina e Varano

Nel Parco Nazionale del Gargano, separati dal Mare Adriatico da una sottile striscia di terra tra dune, lecci e pini, i laghi di Lesina e Varano sono i laghi più grandi dell’Italia meridionale. Hanno acque pescose ricche di spigole, orate e specialmente di anguille, che li rendono una meta molto frequentata dagli amanti della pesca: è possibile praticare pesca notturna, pescaturismo (con degustazione del pescato) e bird-watching (si possono osservare gabbiani rosei, fenicotteri, martin pescatore e falchi di palude). Sulla sottile striscia costiera che li separa dal mare è stata istituita una riserva naturale, un’area protetta di ripopolamento animale, punto di partenza perescursioni guidate a piedi o in catamarano. Lungo i 15 km di Bosco Isola, la striscia di terra che separa il Lago di Lesina dal mare, si possono fare camminate oppure percorrere il sentiero in bicicletta. All’interno del parco si trova anche un parco avventura.

La Voce

Fonte: Agenzia Nazionale del Turismo

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014
Close