Economia

RECOVERY FUND: IL PESSIMISMO DELLA MERKEL

Terzo giorno di vertice UE e la soluzione è ancora lontanissima

Bruxelles, 19 luglio – La via d’uscita al vertice UE sul Recovery Fund sembra essere ancora molto lontana. Oggi si apre il terzo giorno di negoziato, dopo due giorni durante i quali ognuno ha mantenuto ferme le proprie posizioni, impedendo così il raggiungimento di un accordo.

L’aria pesante è confermata anche dalle parole della Cancelliera tedesca Angela Merkel la quale stamane, arrivando al summit ha dichiarato che la possibilità di non riuscire a trovare un’intesa nemmeno oggi, è tutt’altro che remota.

“C’è molta buona volontà ma anche molte posizioni diverse – ha affermato la Merkel -, farò ogni sforzo ma è ancora possibile che oggi non si possano ottenere risultati”. “Oggi stiamo entrando nel terzo giorno di negoziati ed è quello decisivo” per poter giungere ad un esito.

“Finora abbiamo lavorato nel modo corretto su vari temi tra cui le dimensioni del fondo, il tipo di gestione e anche il nodo dello stato di diritto”, ha detto ancora la leader tedesca.

I nodi stanno nella governance del Recovery Fund ma anche nella sua entità e nello stato di diritto. Nel merito, il presidente francese Emmanuel Macron si è detto convinta che occorre “trovare un compromesso”. “penso che sia possibile ma questo compromesso non puo’ andare a discapito dell’ambizione europea. E non per principio, ma perche’ siamo davanti ad una situazione senza precedenti”, ha aggiunto Macron.

Antonio Marino

Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantunenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo
Back to top button