Gli Esseni, la Vita a 360°

Il corpo è naturalmente creatore di energia

Come prendersi cura della propria energia? Dall'energia vitale all'energia mentale e spirituale

Il corpo fisico è un produttore e un trasformatore di energia. Il corpo capta l’energia in continuazione, in seno all’oceano di energia che lo circonda e nel quale si trova immerso, e a sua volta ritrasmette senza sosta questa energia.

L’energia che capta il corpo non è neutra, ma corrisponde al livello di vibrazione dell’io terrestre che abita il corpo. Se l’io è rivolto verso la musica, il corpo attirerà un’energia musicale e donerà un’energia musicale. Pertanto, nessun essere è separato dal mondo, dall’insieme ma ognuno viene influenzato e influenza a sua volta. Ricevere e dare consapevolmente energia è uno degli scopi fondamentali della meditazione e della scienza iniziatica.

L’uomo inconsapevole dà e riceve inconsapevolmente. Egli non è in grado di dirigere la sua vita. L’uomo consapevole analizza ed estrae l’energia. Egli si connette all’intelligenza pura e luminosa allo scopo di captare gli elementi più puri e luminosi, e diviene in seguito un creatore di bellezza attraverso i suoi pensieri, la sua immaginazione, la sua volontà, le sue parole e i suoi atti.

In verità, molte entità nocive sono avide di questa energia vitale e coltivano nell’uomo certi pensieri, certe abitudini al fine di rubare questa energia sacra e impadronirsi del suo destino, della sua fortuna e della sua Anima. In riferimento a questo, possiamo ad esempio pensare alla pubblicità, alle sigarette, agli alcolici, o all’economia mondiale’, i quali esercitano una vera e propria pressione sul ‘mercato del lavoro’. Ora, sappiamo perfettamente che il lavoro determina una grande parte della vita di un individuo. Non è mia intenzione arruolarmi in guerra contro la società, ma piuttosto risvegliare la coscienza in merito alla necessità di coltivare la propria Anima e destare la propria consapevolezza allo scopo di trovare un equilibrio dentro di sé. Colui che trova il proprio equilibrio posandosi sulla società si pone in una falsa stabilità.

L’equilibrio risiede nella ricerca del centro interiore.

Ciò non significa che si debba rigettare la società, ma al contrario che occorra trovare il proprio centro, il proprio essere, la propria intimità, la propria forza. Un tale equilibrio interiore concede di scegliere l’energia che una persona voglia ricevere e quella che voglia offrire, donare, seminare nella propria terra e nella terra di tutti gli esseri.

In questo modo, non vi è più passività nei confronti della società, della cultura ed è questo atteggiamento positivo, responsabile e creatore che bilancia la società stessa e le impedisce di diventare nociva. L’energia di cui parliamo fa riferimento al mondo invisibile. Essa non è neutra ma è colma di pensieri, di anima, di forza, d’intelligenza e di essere. Entrare nel mondo dell’energia equivale anche a penetrare nel mondo invisibile, nel reame dello Spirito e pertanto degli spiriti. Essere uno spiritualista è considerare che tutto è vivente e che, dietro lo scenario del mondo, esiste un mondo più sottile colmo di intelligenze e di entità spirituali. Questa concezione del mondo dà forza e in questo modo accresce l’energia nel corpo.

Capite allora il segreto, la pratica? Ci sono dei pensieri, delle concezioni, che impoveriscono e distruggono la creatività mentre ce ne sono altri che abbelliscono ed aumentano la forza del Bene. Colui che pensa che il mondo sia morto, privo di anima, che esso funzioni come una macchina priva di intelligenza e di sensibilità, e che egli stesso è il frutto di una pura coincidenza, e che i suoi pensieri, le sue parole e i suoi atti non abbiano alcun impatto e di essere separato dagli altri… taglia sé stesso dalla comunione universale e attira su di lui delle entità oscure che dirigeranno i suoi atti in modo tale da aver una presa sempre maggiore sulla sua vita, sulla sua coscienza e sul suo destino.

Ci sono persone che hanno incominciato ad avere dei piccoli pensieri di odio e poi sono giunti al punto di commettere un omicidio, di uccidere qualcuno. Ma chi riceve profitto da questi omicidi, chi beneficia delle guerre e delle ingiustizie? La risposta è alcune entità spirituali malsane che si nutrono delle energie di tali sacrifici. Più le entità diventano forti e più esse ispirano gli umani a idolatrare, a vivere nell’anarchia, nella bruttezza, nella corruzione e a commettere degli omicidi contro la bellezza della vita e la legge d’amore universale che dovrebbe unire tutte le creature del mondo nell’armonia e nella pace.
Colui che commette tale crimine diventa allora una specie di sacerdote sacrificatore delle forze oscure: egli libera le energie negative accumulate.

Colui che pensa che la vita abbia un senso sublime, che la bellezza e la gioia siano delle guide, che un’energia d’amore e d’intelligenza unisca tutte le creature del mondo e che ogni uomo possieda il potere di attirare le forze benefiche dell’universo per poi trasmetterle a tutte le creature… fa fuggire lontano da sé tutte le forze oscure e malsane che vorrebbero “vampirizzarlo”. L’energia di cui sto parlando è una forza, un’anima, un amore infinito che bagna i mondi e unifica tutti gli esseri tra loro. Quando un essere si unisce consapevolmente a delle forze superiori, allora questa energia entra naturalmente in lui e, attraverso di lui si diffonde verso tutte le creature dei regni più piccoli, come gli animali, i vegetali, i minerali, gli spiriti della Natura e perfino verso “l’inferno”, al fine di alleviare le pene e far sì che un cammino sia aperto. Se un uomo non si unisce in modo consapevole ad un mondo superiore, allora la benedizione non può passare attraverso di lui e sono allora le tenebre ad instaurare la loro falsa civiltà.

O l’uomo si posiziona in modo consapevole sotto l’autorità del regno superiore, o diverrà lo schiavo delle forze inferiori che si scateneranno in lui. È una questione di energia. Tutti i giorni, dobbiamo consacrare noi stessi alcuni minuti a collegarci e a richiamare consapevolmente le forze del Bene, le idee pure dei mondi superiori con l’intento di armonizzarci con il mondo intero, con il Creato, e instaurare nella nostra vita interiore l’ordine celeste e offrire la nostra benedizione a tutte le sue creature.

Questo è un modo giusto e bello di essere al mondo che può veramente proteggerci dall’energia avvelenata così largamente diffusa oggigiorno.

Proteggerci è pertanto divenuta una necessità fondamentale. È inevitabile subire delle perdite di energia, non essere in piena forma o ancora “essere visitati” da energie di tipo negativo. Non dobbiamo irrigidirci poiché “Roma non è stata costruita in un solo giorno”. La cosa importante è rimanere coscienti e risvegliare la nostra coscienza. Dopo di che occorre che ci avvolgiamo di Luce, chiediamo la protezione, impariamo a ricentrarci, a coltivare la calma, a respirare con gratitudine e a diventare creatori nell’invisibile.
Non si tratta di prenderci soltanto cura del nostro corpo fisico ma anche di tutti i corpi sottili che abitano il nostro corpo, i quali, anche loro, devono essere rafforzati e nutriti dall’energia che viene emanata dal corpo. , il corpo e l’Anima (il corpo sottile) vengono immediatamente ricaricati poiché l’energia positiva armoniosa viene richiamata ed orientata in modo giusto e positivo. Lo scopo non è di chiamare una sovrabbondanza di energia vitale, ma piuttosto quello di imparare a captare e a incanalare in modo positivo e consapevole quella che ci circonda, nella vita di tutti i giorni, e che spesso lasciamo fluire, scappare, per via della nostra mancanza di attenzione.

Ad esempio, quando è il momento di godere dei nostri svaghi, noi non siamo più capaci di viverli fino in fondo: la nostra Anima non è pienamente partecipe e l’energia rimane pertanto bloccata.

Olivier Manitara, Maestro esseno

Brano del suo libro “Il corpo creatore di energia”

Proposto da

Alain Contaret

Nazione Essena

Rappresentante della Tradizione e Religione essena in Italia

Sacerdote esseno, ierogrammata (scriba esseno) e insegnante esseno

Esperto Arte del movimento meditativo esseno (Qi Gong e Yoga esseno)

Discepolo del Maestro Olivier Manitara, Maestro esseno e della Tradizione Essena

Correzione testo:

Barbara Frattini

Nazione Essena

Sacerdotessa essena e Ierogrammata (scriba essena)

Discepola del Maestro esseno Olivier Manitara e della Tradizione Essena

 

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Close
Vai alla barra degli strumenti