Gli Esseni, la Vita a 360°

L’invisibile consapevole

Prendere coscienza della propria vita interiore

Nulla accade nella vita se prima non è stato nutrito coscientemente dentro di noi.

Questa saggezza dovrebbe essere la base dell’educazione e del discernimento prima di compiere ogni scelta.
Il mondo ci invade e ci mette al di fuori di noi stessi, assorbendoci, facendo crescere un interesse nei suoi confronti, che alla fine ci incatena e ci impedisce di riprenderci, di riposizionarci, in una parola di risvegliarci.
Ci addormenta e prende il nostro posto, impossessandosi del nostro corpo, diventato esso stesso il suo strumento di manifestazione.
Il mondo dell’uomo è una forma di intelligenza che per esistere, usurpa e cerca sempre di spegnere la fiamma della coscienza, il fuoco della ricerca del senso della vita.

Un segreto da rendere vivo nella nostra mente è che abbiamo di certo una vita esteriore, ma soprattutto una vita interiore, spirituale invisibile, che è spesso, resa incosciente tramite il sortilegio di un sistema senza anima e senza vita propria.

In realtà non è difficile sentire la nostra vita interiore, essa che è all’origine delle nostre azioni, di ogni nostro atto, di ogni nostra scelta.
Imparare a rimanere nel silenzio, nell’immobilità e nel movimento meditativo, aiuta molto a fare apparire alla nostra coscienza la vita invisibile. Essa non è una credenza ma piuttosto una realtà ancora più concreta.
Non occorre una prova dell’esistenza dei pensieri, dei sentimenti, delle emozioni, dei desideri, della volontà, dell’energia, delle idee, degli ideali, delle credenze, essi sono concreti. Di certo queste realtà sono invisibili ai nostri occhi ma governano la nostra vita.
L’invisibile è come un oceano d’acqua sottile che, oggi più che mai, è inquinato.

Ora, c’è una grande urgenza di diffondere questa verità al mondo intero, la verità della vita invisibile, per uscire da ciò che è artificiale ed effimero. L’uomo non può continuare a camminare sul sentiero della non esistenza, continuando senza tregua ad auto-illudersi di esistere, mentre si trova imbrigliato tra le maglie di un sistema, di un mondo che lo priva ogni giorno di un qualche cosa, oltretutto con il suo consenso nella sua inconsapevolezza, che lo priva della sua vera natura, della sua profondità, del suo mistero.

Tutto diventa così automatico e robotico e si perde di spontaneità e di verità.

L’uomo rimarrà invisibile a se stesso fino al momento in cui deciderà di interessarsi alla vita, a se stesso e di uscire da ogni credenza e dogma che avveleno l’esistenza e che rendono impossibile alla vera Libertà di esprimersi.

Tutto ciò che esiste nel visibile è la manifestazione di una realtà che è celata a diversi livelli.
La vita terrestre è possibile unicamente perché la vita spirituale lo è, e oltre, la vita celeste fino all’Origine.

Alain Contaret
Nazione Essena
Rappresentante della Tradizione Essena in Italia
Sacerdote, ierogrammata (scriba esseno) ed insegnante esseno
Esperto Arte del movimento meditativo esseno (Qi Gong e Yoga esseno)
Discepolo del Maestro Olivier Manitara, Maestro esseno

Correzione testo:

Barbara Frattini
Nazione Essena
Sacerdotessa Essena
Ierogrammata (scriba essena)
Discepola del Maestro esseno Olivier Manitara

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Close
Vai alla barra degli strumenti