Gli Esseni, la Vita a 360°

Una mente sana in un corpo sano

Vivere la coerenza tra il mondo dello spirito e quello della materia

La ricerca dell’equilibrio è la grande sfida della vita sulla terra. Il mondo propone un concetto di equilibrio basato unicamente sulla vita esteriore, e l’essere umano, nel momento in cui essa viene perturbata, perde il proprio equilibrio interiore, che in realtà non è mai stato al centro, non è mai stato preso in considerazione.

Cos’è l’equilibrio?

Facciamo un esempio: se ti metti sulle punte ti puoi rendere conto che l’equilibrio diventa precario, relativo e che una semplice distrazione ti porta a perderlo. La chiave è la concentrazione sulla postura, la calma interiore, la ricerca della verticalità perfetta. Approfondendo il tema, potremmo mettere in evidenza un altro fattore. Se la postura verticale è accompagnata da un desiderio di estendersi sempre di più nell’intento di radicarsi verso l’alto con i propri piedi invece che poggiano sulla stabilità del suolo e si radicano in esso, allora l’equilibrio è garantito. Esso diventa il risultato di due tendenze, verso il basso e verso l’alto.

La tendenza verso il basso è la vita materiale e la tendenza verso l’alto è la vita spirituale. Questa permette alla vita psicologica di essere in una stabilità e in un equilibrio.

Questo esempio dimostra a che punto la vita materiale e la vita spirituale, anche se si tratta di due direzione contrarie, siano importanti per l’intero equilibrio dell’essere umano. Anche camminando, la verticalità deve tendere verso l’alto.

Curare la vita interiore è di primaria importanza ma se essa viene messa unicamente al servizio della vita esteriore, materiale e dunque mortale, si troverà un giorno nella debolezza, nell’insoddisfazione. In effetti, la vita materiale non può essere il nutrimento esclusivo ed il solo obiettivo delle nostre energie, del nostro cuore e della nostra mente. Tutto ciò che fa parte della nostra vita interiore ha bisogno anche di altro, di qualcosa che porta del senso alla vita e dunque anche di sentire qualcosa di superiore.

Così, nutrirsi di principi elevati e sforzarsi di adeguare la vita quotidiana ad essi, permette di vivere l’armonia e la serenità. L’uomo si nutre spesso di concetti pensando che siano collegati al superiore, al divino come l’amore, per esempio. Però, purtroppo, la comprensione che ne ha il mondo rende questa meravigliosa parola schiava dei nostri interessi personali e perde il suo significato, la sua vitalità nel nostro regno. Invece, nutrirsi della stessa parola, collegandola sempre all’Origine della vita, considerandola come  una realtà superiore a noi,  e che ha bisogno della nostra devozione, del nostro rispetto, della nostra gratitudine per rimanere con noi, permette di canalizzare la nostra personalità che si mette al servizio dell’amore. Tutto questo garantisce un vero equilibrio e di avere sotto i nostri piedi, una terra e al di sopra la nostra testa, un Cielo.

Alain Contaret

Rappresentante della Tradizione e Religione essena in Italia

Sacerdote esseno, ierogrammata (scriba esseno) e insegnante esseno

Esperto dell’Arte del movimento meditativo esseno (Qi Gong e Yoga esseno)

Discepolo del Maestro Esseno Olivier Manitara

Correzione testo:

Barbara Frattini

Sacerdotessa essena e Ierogrammata (scriba essena)

Discepola del Maestro Esseno Olivier Manitara

Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Back to top button