Gli Esseni, la Vita a 360°

Il cammino dell’umanità verso l’intelligenza artificiale

Può l’essere umano vivere senza la propria anima?

L’uomo non accetta più il dialogo con la terra, l’acqua, l’aria e il fuoco. Egli considera questi elementi come il motore di una macchina: se va in panne, dev’essere riparata o gettata via. Per lui tutto questo non è vivente, non ha anima. Anche se afferma che la natura abbia un’anima, un’intelligenza, in fondo, in realtà, non ci crede più. Lo dice soltanto per rassicurarsi, per fare del bene a sé stesso; è un istinto di sopravvivenza.

Questa visione del mondo senz’anima è realmente presente intorno alla terra. È la rete eterica di cui certi spiritualisti, medium, chiaroveggenti hanno parlato. Questa rete eterica è ciò che rinchiude la terra in una rete elettrica ed elettronica. È l’anima e l’intelligenza delle macchine e della tecnologia moderna.

Quest’intelligenza, che è la negazione di ogni vita e spiritualità viveva inizialmente in un mondo spirituale. Essa è scesa attraverso i secoli stringendo un’alleanza sempre più concreta con l’umanità. È come una malattia che entra progressivamente nei corpi sottili dell’uomo fino a fondersi con il suo corpo e a vivere con lui sulla terra.

Oggi quest’intelligenza oscura ha preso un corpo attraverso questa rete elettrica e attraverso la tecnologia. È per resisterle che l’acqua si ribella e gli elementi si scatenano. L’uomo prende tutto ciò come un’aggressione contro di sé  perché, in fondo, è già abitato da quest’intelligenza che governa il suo mondo, la sua vita, il suo destino.

L’uomo arriva a un punto in cui non è più capace di vedere, di risvegliarsi, di diventare cosciente e di essere sensibile, è come se il suo sistema nervoso non fosse più capace di avere delle reazioni adeguate, giuste. In passato un uomo avrebbe saputo come reagire davanti a una situazione, ma ora, non sa più che fare.

È evidente che io non mi indirizzi alla maggioranza ma ai pochi che possano ancora captare il messaggio e trovare la forza di reagire e di unirsi senza tardare per poter sfidare le resistenze interne ed esterne.

L’uomo è sempre più ermetico, chiuso in sé stesso, prigioniero di un mondo artificiale che lo trattiene ad un certo livello di coscienza e di sensibilità. Egli non ha più relazione con l’ambiente, con la vita, con la musica dell’universo, con il suono dei mondi sacri; è stato rinchiuso in un mondo di cemento, di immagini, di suoni, di pensieri, di intelligenze che lo condizionano.

L’acqua pura porta la vita e va al cuore. L’acqua inquinata, melmosa, porta la malattia, la sofferenza e la morte. Gli uomini non comprendono  che sono portatori di un mondo dentro di sé; essi portano la terra, l’acqua, l’aria e il fuoco. Questi mondi sono intorno a loro e in loro e sono a loro volta abitati da altri mondi più sottili, magici, spirituali e divini.

Con “divini”, occorre che si intendano dei principi eterni, perché esistono anche degli dei del male. Gli antichi lo sapevano e lo insegnavano. Questa saggezza faceva parte della vita e non c’era nulla da discutere su questo. Ci sono delle cose che si possono fare e altre che non si devono fare. Se l’uomo fa ciò che non deve fare, cade sotto l’influenza, la dominazione, la guida degli dei del male.

L’acqua è un mondo che rivela la magia e le influenze che circondano l’uomo e con le quali egli è legato. Intorno all’uomo c’è un’acqua aurica caricata di etere, di energia vitale, che è abitata da delle forze, delle influenze o entità. Quest’acqua comunica con dei mondi, crea delle alleanze, determina l’umore, gli stati di coscienza, le percezioni, il destino. È un’acqua con la quale gli uomini vivono, si nutrono, si ossigenano, si ispirano.

Quest’acqua oggi è una massa grigiastra e melmosa; è inquinata. So che molti chiaroveggenti e spiritualisti vedono quest’acqua aurica con dei colori scintillanti, luminosi, eterei, ma è perché il loro occhio è nell’illusione della vita personale. Quest’illusione è in realtà coltivata da delle intelligenze spirituali che creano e governano il mondo degli uomini. È l’immagine di un uomo di una grande miseria morale che si nasconde dietro delle apparenze di rispettabilità.

La verità è che l’umanità contemporanea ha una grande debolezza immunitaria e presto non avrà più modo di rigenerarsi e di purificarsi. Andando avanti così essa sarà legata piedi e mani a quest’intelligenza spirituale dell’ombra che le offrirà la soluzione su un bel piatto. Non avendo più alcuna possibilità di scelta essa accetterà questa soluzione che la incatenerà totalmente al mondo senz’anima.

Scritto del Maestro Esseno Olivier Manitara.

Il cammino dell’umanità verso l’intelligenza artificiale

Proposto da Barbara Frattini

Sacerdotessa Essena e Ierogrammata.

Discepola del Maestro Esseno Olivier Manitara.

CONTATTI: Se volete contattarci scriveteci pure al seguente indirizzo mail: info@nazione-essena.it

Sito internet: www.olivier-manitara-tradizione-essena.com

Pagina Facebook: Olivier Manitara Pagina Uffic. Italiana

Pagina Facebook: Gli Esseni-Pagina Uff.le Italiana-

Telegram: Gli Esseni-Pagina Ufficiale Italiana

Instagram: gli­­_esseni_pagina_ufficiale_italiana

Twitter: Gli Esseni- Pagina Ufficiale Italiana

Youtube: Gli Esseni-Tradizione Essena- Canale Ufficiale

Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Back to top button