Gli Esseni, la Vita a 360°

La spada del risveglio ovvero il discernimento giusto

Il giusto atteggiamento per installare l’armonia in sé ed attorno a sé

  1. Voi che cercate di entrare in una vita molto più grande di quella che conoscete ai giorni d’oggi, io vi dico: in ogni situazione, in ogni stato d’animo, risvegliate la vostra coscienza e siate presenti nel mondo in cui siete. Sappiate essere giusti in tutto ciò che siete chiamati a fare, pienamente coscienti, svegli, presenti.

  1. In ogni vostra azione, dovete essere in accordo con tutti i mondi e, soprattutto, non dovete mescolare i mondi. Bisogna saper mettere ogni cosa al suo posto per rispettare e mantenere l’ordine dei mondi. Ciò che appartiene al mondo dei rifiuti deve essere considerato come tale, né più né meno. Allo stesso modo, ciò che appartiene al mondo della morte o al mondo dell’immortalità deve essere considerato come tale.

  1. Ogni mondo e ogni attività deve essere al suo posto e l’uomo deve coltivare il giusto atteggiamento verso ogni mondo e tutti i mondi. Se l’uomo agisce senza discernimento, in un modo o in un altro, sarà in confusione, in difficoltà e farà fatica a respirare.

  1. Il mondo dei rifiuti o della morte non è necessariamente negativo in sé. È quando l’uomo mescola energie, attività, forze e intelligenze che queste diventano negative. L’immortalità non deve essere portata nel mondo della morte o dei rifiuti. Questa è una chiave fondamentale, ma, rispetto ad essa, vi è una grande confusione e gli uomini non ne hanno comprensione.

  1. Pochi sono riusciti a trovare il giusto atteggiamento verso ogni mondo. Coloro che non sono chiari creano problemi, perché spesso cercano di trasformare i rifiuti in Luce e così si esauriscono inutilmente, oppure cercano l’unione con la propria anima ma si preoccupano del mondo degli uomini che appartiene alla morte.

  1. Uno spiritualista parla della Luce nel mondo degli uomini, ma nella sua vita quotidiana è impegnato a fare opere solo per il mondo della materia. Non permetterà mai al fiore della Luce di mettere radici nel mondo dei rifiuti, di passare attraverso il mondo della morte per sbocciare nel regno dell’immortalità.

  1. Le vere domande che questo spiritualista deve porsi sono: Chi è il maestro, il vero ispiratore? Qual è la sorgente che anima la sua forza vitale? È quella della Luce autentica o quella del mondo dell’uomo?

  1. I materialisti, invece, parlano solo di opere concrete e il mondo dell’immortalità non li interessa. Tuttavia, usano le forze spirituali e i mondi sottili per raggiungere i loro fini. Usano delle atmosfere e degli ambienti e sanno come manipolarli e dirigerli. Allora essi cosa sono veramente, spiritualisti o materialisti? In questo vi è confusione. Se volete andare avanti nella chiarezza, dovete acquisire un grande discernimento, mettere ordine in voi stessi e trovare un equilibrio, una stabilità che vi permetterà di stare su una base solida e sana e di crescere in armonia e purezza verso i mondi superiori.

Estratto del Salmo 113 del Vangelo Esseno dell’Arcangelo Gabriele

Olivier Manitara, autentico Maestro esseno

Proposto da: Alain Contaret

Ambasciatore della Nazione Essena

Rappresentante della Tradizione e Religione essena in Italia

Sacerdote esseno, ierogrammata (scriba esseno) ed insegnante esseno

Esperto Arte del movimento meditativo esseno (Qi Gong e Yoga esseno)

Discepolo del Maestro Olivier Manitara, e della Tradizione dei Maestri esseni

In collaborazione con Clelia Antonia Facchini

Nazione Essena

Sacerdotessa lettrice essena

Discepola del Maestro Olivier Manitara, e della Tradizione dei Maestri esseni

Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Back to top button