Gli Esseni, la Vita a 360°

A chi appartiene il corpo e cosa lo fa muovere?

Riprendere il controllo delle proprie energie, della propria vita interiore, del proprio essere

Oggi vi è un’intelligenza che vorrebbe togliere la possibilità di essere illuminati, addirittura interdirla, metterla ai margini.

Un illuminato è considerato come qualcuno un po’ folle, un

eccentrico, un essere a parte, addirittura un fanatico.

In verità, l’illuminazione è un fenomeno di salute, di armonia, di benessere. È lo stato naturale dell’uomo.

Una vita senza poesia e senza filosofia – una vita asservita dalla tecnologia meccanica – è una malattia. Vi è una tecnica che asservisce l’uomo perché estingue la sua luce interiore e ve ne è un’altra che lo conduce verso la fioritura, verso la piena realizzazione.

Una vita senza poesia e senza filosofia è una vita persa. La poesia è il profumo dell’amore e la filosofia quello della saggezza. Vivere con saggezza e amore: è questo essere illuminati.

Gli esercizi che sono trasmessi in quest’opera sono stati elaborati in modo speciale per risvegliare – attraverso il corpo – delle forze, delle energie che stimolano dei centri interiori dell’anima e dello spirito per giungere a un’armonizzazione.

Quando il movimento è compiuto in modo giusto, allora l’energia è stimolata e agisce. Il movimento giusto attiva l’energia che a sua volta agisce sul cuore (i sentimenti, le emozioni), il quale agisce poi sui pensieri.

Bisogna prendere coscienza che il semplice fatto di mettere il corpo fisico in movimento è già attivare delle energie.

« Dietro » il corpo fisico vi è un corpo energetico anche chiamato: corpo di vita, corpo del desiderio e di volontà, o ancora corpo eterico. È con questo corpo che noi lavoreremo particolarmente.

« Dietro » il corpo di energia dinamica vi è un corpo di emozioni, di sentimenti.

« Dietro » vi è il corpo di pensiero e ancora « dietro » i pensieri vi è l’Io superiore: un corpo spirituale d’immortalità, il vero ‘Io’, l’essere vero, il mistero di una coscienza espansa.

Lo scopo di ogni ricerca di salute e di una vita ricca e piena consiste nell’unificare tutte le parti dell’uomo nella coscienza superiore. Solo tale coscienza ha il potere di donare un senso profondo alla vita e di equilibrare ogni cosa.

Il segreto è molto semplice: il corpo fisico è una porta che permette di raggiungere la più alta conoscenza di sé e di mettere in movimento delle energie sottili che influenzano la vita quotidiana, il destino e persino il mondo.

Mettendo il corpo in certe vibrazioni, in certe energie, gli si permette di liberarsi dalle energie malsane e di auto-guarirsi, vale a dire di riconnettersi alla coscienza superiore e di donare un senso profondo a tutti gli atti della vita quotidiana.

Vi è nel corpo una forte capacità di autorigenerarsi, di armonizzarsi, di rimettersi nel vero. Ma il corpo non può accedere a tale potere perché esso subisce senza sosta delle pressioni, tanto del mondo esteriore che del mondo interiore.

Questi movimenti sono anche una tecnica di lasciar-presa, di rilassamento, di calma e di risveglio di un’energia pura, semplice, vera, naturale che chiede unicamente di risalire alla superficie.

Una pratica sincera può mostrare che non soltanto il corpo può non appartenerci più, diventare un estraneo, ma che anche i nostri atti, i nostri sentimenti, i nostri pensieri, le nostre parole possono essere vuoti. Questa presa di coscienza può essere una rivelazione profonda che può generare una volontà di recuperare sé stessi e di vivere la propria vita. È una reazione salutare. Vivere la propria vita da sé è un buon cammino.

La pratica rivela che quando un uomo è sconnesso dal suo ‘Io’ superiore immortale, la sua vita interiore si oscura ed egli si fabbrica nel proprio corpo energetico un ‘io’ mortale, effimero. Questo ‘io’ si impadronisce del corpo, delle emozioni, dei pensieri e può apparentemente vivere autonomamente.

Colui che vive sotto l’influenza di questo ‘io’ fabbricato dal mondo esteriore non si accorge che la propria vita gli viene in qualche modo tolta; egli crede di essere lui a decidere. Per esempio, qualcuno non vuole fumare, ma lo fa poiché tutti i suoi amici fumano, oppure un soldato non vuole uccidere un altro uomo, perché questo ferisce il suo cuore, ma egli lo fa perché ne riceve l’ordine.

La soluzione è nel mistero della coscienza superiore che vive in ogni essere e dunque in tutto. Essa è una, ma si raggiunge solo individualmente. La vita è fatta di compromessi, giustamente, perché non è la vita vera.

Olivier Manitara

Ultimo grande ed autentico Maestro esseno

(Estratti del suo libro “Il corpo creatore di energia” – volume 2)

“Il corpo creatore di energia” – volume 1

https://www.macrolibrarsi.it/ebooks/ebook-il-corpo-creatore-di-energia-volume-1.php

“Il corpo creatore di energia” – volume 2

https://www.macrolibrarsi.it/ebooks/ebook-il-corpo-creatore-di-energia-volume-2.php

Proposto da Alain Contaret

Ambasciatore della Nazione Essena

Rappresentante della Tradizione Essena in Italia

Sacerdote, Ierogrammata ed insegnante esseno

Ambasciatore della Pace

Discepolo di Olivier Manitara e dei Maestri Esseni

Corretto da Barbara Frattini

Sacerdotessa e ierogrammata essena

Ambasciatore della Pace

Discepola di Olivier Manitara e dei Maestri esseni

Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Back to top button