EUROPEE. Salvini: “Nessun ultimatum a Di Maio”

Il leader leghista smentisce quanto riportato da alcuni media

Roma, 28 maggio – Il leader della Lega, Matteo Salvini ha categoricamente smentito quanto riportato da alcuni media, circa il fatto di aver imposto al suo omologo a Palazzo Chigi, Luigi Di Maio, un ultimatum di 30 giorni. “Ci faremo trovare pronti per governare Roma. Io da ministro sto cercando di fare di tutto, mandando poliziotti, telecamere, facendo direttive. Poi il giudizio sul sindaco lo danno gli elettori quando votano”, ha affermato Salvini.

Circa la lettera che la Commissione Europea starebbe per inviare all’Italia, annunciando una procedura d’infrazione per il debito del 2018, il Segretario del Carroccio spera che “nessuno mandi letterine dall’Europa all’Italia” ed aggiunge: “Vi pare che in un momento storico in cui c’è una disoccupazione giovanile del 50% in alcune regioni italiane, in cui dobbiamo assumere in fretta medici e infermieri, da Bruxelles qualcuno in nome di regole del passato ci chieda 3 miliardi di multa e a settembre 20 miliardi di aumento di tasse? Ogni mia energia sarà usata per cambiare queste regole vecchie e superate”.

Salvini inoltre, auspica che nell’attività di Governo “si rimetta al centro il nodo del lavoro”.

La Voce

Exit mobile version
Vai alla barra degli strumenti